Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

L'Autunno in Trentino...tra castagne e vino novello

Autunno ..tempo di castagne!

L’autunno in Trentino è la stagione dei bellissimi colori dei nostri boschi ma anche dei buonissimi sapori!
E’ il tempo della vendemmia, delle sagre dedicate ai prodotti tipici e alle tradizioni trentine…e di un frutto gustosissimo: la castagna. In autunno infatti s’ innalzano dei castagni altissimi, tipici del paesaggio culturale e rurale della montagna trentina, che possono arrivare fino a 500 - 600 anni, mentre a volte possono toccare i 1000 anni ed i 35 metri d’ altezza!

Le castagne, marroni oppure „Keschtn“, come si usa dire in Alto Adige, sono considerate parte del lavoro contadino, in quanto fin dall’ antichità erano fonte di nutrimento poichè molto sostanziose e gustose. Nel tempo si è poi scoperto che questo prezioso frutto oltre ad essere buono, è anche ricco di amidi e vitamine, è senza glutine (quindi ideale per chi soffre di allergie) e che aumenta perfino il livello della serotonina (l’ormone della felicità)!

Come si mangiano in Trentino le castagne?
Il modo più semplice e tradizionale di preparare le caldarroste è farle al forno, cuocerle in acqua o sulla graticola. L’ importante è incidere il guscio trasversalmente sul lato convesso con un coltello affilato…altrimenti vi è il rischio che esplodano e vi ritroverete a pulire la cucina tutto il pomeriggio!

Le castagne e la farina di castagne vengono usate in mille modi in cucina: per l’impasto della pizza, per preparare zuppe, minestroni, per accompagnare piatti di carne o selvaggina, per ravioli e naturalmente per fare dolci…il riso di castagne come dessert accompagnato da panna o gelato, le crepe con marmellata di mirtilli, le castagnole con zucchero a velo da inzuppare nel vin brulè…mhmm che delizia!
Ma le castagne sono anche buone da gustare al naturale: si mettono nell’acqua in ebollizione per circa un’ora e poi si tagliano a metà e con il cucchiaino si mangia la polpa…buonissime anche per i più piccoli!
 
La tradizione del Törggelen
Le castagne vengono servite soprattutto durante il Törggelen come piatto finale, con burro, vino novello ed il dolce mosto d’uva…ma facciamo un passo indietro:che cos’è il Törggelen?
Il Törggelen è un’antica tradizione in cui i contadini della valle, che producevano vino e facevano pascolare il bestiame nei masi dei contadini di montagna, festeggiavano il periodo della vendemmia e il vino nuovo offrendo loro un banchetto ricco di prodotti autunnali della terra o di salamini e formaggi. Il Törggelen nacque quindi semplicemente come ringraziamento e merce di scambio.
Questa usanza è rimasta comunque viva negli anni e tutt’oggi viene celebrata ogni anno con feste e sagre dall’ultimo fine settimana di settembre fino a inizio dicembre.

Ma i momenti più belli sono quelli passati in famiglia in autunno…le decorazioni di zucca sui davanzali, le foglie colorate trovate nei boschi e le “castagnate” dopo cena vicino al caminetto con zie, cugini, fratelli…perchè qui in Trentino, la castagna è un cibo che riesce magicamente a riunire la famiglia intorno al tavolo a raccontare la giornata, a farsi due risate e a ritrovare quell’armonia e spensieratezza che molte volte la vita frenetica ci fa dimenticare.

E voi come le mangiate le castagne?
 
 
 
03.11.2015
scritto da Piz Galin
 
Consiglia articolo